Mensa universitaria
Case Study QSave - Cassa automatica e mensa universitaria

Gli Enti per il diritto allo studio di alcune università italiane hanno scelto la soluzione BPE di borsellino elettronico di QSAVE. Ogni anno QSAVE con questa soluzione gestisce più di 200.000 smartcard.

Gli enti hanno scelto di utilizzare una smart-card con microchip univoca per l’identificazione dello studente, contenente il dato “fascia ISEE” che permette di stabilire l’importo del pasto, e hanno scelto di installare il QPOINT:

  • per l’ erogazione delle smartcard destinate agli studenti;
  • per caricare la smart card attraverso contanti e carte di credito;
  • come cassa automatica per la prenotazione e il pagamento del pasto presso le mense universitarie e i locali convenzionati.

La card-utente è utilizzata come mezzo di riconoscimento, come mezzo di pagamento nei QPOINT e nei POS abilitati presso le mense e bar ristoranti convenzionati.

Gli elementi fondamentali richiesti dagli enti sono:

  • determinare il valore del pasto fruito in base al giorno, all’ora, al locale convenzionato oltre che alla fascia di reddito
  • determinare la modalità di autorizzazione del pasto (online /offline) e quindi verificare ed eliminare eventuali doppi passaggi della card
  • abilitare/disabilitare il borsellino elettronico sulla smartcard
  • evitare che il pasto erogato sia effettivamente quello che l’utente richiede controllandone quindi i costi effettivi
  • controllare attraverso i report tutto il sistema di erogazione e relativi costi
  • estendere i servizi erogabili con il borsellino elettronico (stampe, prestito, servizi accessori, vending)

L’architettura prevede:

  1. L’installazione di una serie di POS in rete autorizzati dall’ente. Qualora si prevedano pubblici esercizi in convenzione, o l’apertura della mensa ad utenti diversi da quelli universitari, lo stesso POS può funzionare da accettatore di buoni pasto elettronici.
  2. Un backoffice per l’amministrazione per la configurazione del borsellino-utente, il controllo delle carte in blacklist e per i report sulla gestione del servizio.
  3. Un frontend per lo studente che permette di controllare il credito, ricaricarlo, verificare i servizi utilizzabili.

Il progetto è replicabile presso qualsiasi struttura scolastica e universitaria e può prevedere la possibilità di aggiungere più servizi a disposizione degli studenti.

Soluzioni correlate